tracking

Come riparare il paraurti in plastica dell’auto

Riparare il paraurti dell’auto non è un’operazione particolarmente complessa se si tratta di danni localizzati e molto spesso non è necessario procedere a una sostituzione. I paraurti delle auto sono praticamente tutti in materiale plastico composito e, in genere, sono verniciati con il medesimo colore della carrozzeria ma non mancano le versioni non verniciate e del classico colore grigio molto scuro. È frequente che questa parte dell’auto venga a contatto con corpi estranei, durante il parcheggio o il movimento.

I danni che ne possono conseguire sono di diversa entità: dal piccolo graffio alla deformazione, fino alla rottura scomposta della superficie. Nei casi meno gravi è possibile effettuare un intervento in proprio ottenendo ottimi risultati, lasciando al carrozziere il compito di intervenire su situazioni più gravi, specialmente se coinvolgono anche parti della carrozzeria. Per piccole riparazioni non è necessario disporre di una dotazione particolare di attrezzi e materiali, mentre per riparazioni più impegnative occorre dotarsi di alcuni attrezzi particolari.

Cose di cui avrete bisogno

step 1: Riparare il paraurti da piccoli graffi

La situazione più semplice nel riparare il paraurti è rappresentata dalla presenza di leggere graffiature, provocate, in genere durate le operazioni di parcheggio o di manovra. Se i graffi non sono profondi e non incidono sul corpo del paraurti in modo particolare possiamo eliminarli abbastanza rapidamente. Se il paraurti non è verniciato si procede a una pulizia accurata della parte danneggiata con il detergente universale WD-40 applicato con spugnetta e ben asciugato con panno in microfibra.

Poi si applica sulla parte interessata l’apposita pasta abrasiva e si agisce pazientemente e ripetutamente con movimenti circolari fino ad aver spianato la parte in modo che i graffi scompaiano. Se i graffi sono un poco più profondi si può agire con carta abrasiva finissima (oltre il N° 400) senza premere troppo. Se il paraurti è verniciato si agisce nello stesso modo con la pasta abrasiva, ma non utilizziamo la carta abrasiva soprattutto se la vernice è metallizzata, in quanto la sua azione asporta la verniciature trasparente e lucidante. Se i graffi non scompaiono bisogna agire diversamente.

pulire il paraurti

step 2: Graffi profondi su paraurti verniciato

Prima di riparare il paraurti in questa situazione, bisogna prendere una decisione: affrontare in proprio il ritocco di verniciatura, con risultato probabilmente visibile del ritocco, o rivolgersi a un carrozziere. Se si decide di fare da soli, dopo la pulizia e il trattamento con la pasta abrasiva, bisogna applicare sulla parte danneggiata un leggero strato di stucco per materie plastiche, che rimane più flessibile di quello per la carrozzeria, e quindi, dopo ulteriore carteggiatura ripristinare la verniciatura colorata e la vernice trasparente che la lucida e la raccorda al resto della superficie. Un passaggio di tampone lucidante conclude il lavoro.

riparare graffi paraurti

step 3: Paraurti deformato: lo smontaggio

In presenza di una deformazione – tipica è una rientranza – è conveniente smontare il paraurti per poter lavorare con maggiore facilità. Lo smontaggio si effettua allentando le varie viti che bloccano il paraurti alla carrozzeria, togliere l’eventuale riparo interno del parafango e scollegare i cavi che alimentano eventuali proiettori. Si tratta di un lavoro che può essere complicato e bisogna fare attenzione a non rompere le sagomature che servono per il fissaggio e l’incastro. A questo scopo è utile impiegare, per allentare più facilmente le viti, del WD-40 Super Sbloccante azione rapida che penetra rapidamente e libera i pezzi con notevole efficacia. La sua formula è adatta anche nei casi difficili di ossidazione.

smontaggio paraurti

step 4: Paraurti deformato: ripristinare la sagoma

Una deformazione conseguente a urto può essere affrontata utilizzando una pistola termica che produca un soffio d’aria almeno a 500 °C. Con l’attrezzo si scaldano accuratamente prima i bordi e poi la zona centrale della parte rientrata. Quando questa è sufficientemente ammorbidita, spingendo dalla parte opposta si riporta facilmente al profilo originario. Poiché, comunque, non si ottiene perfettamente la sagoma precisa è sempre necessario un lavoro di carteggiatura inizialmente con abrasivo di grana maggiore e dopo con uno di grana fine per spianare e regolarizzare il profilo. Poi si procedere alla stuccatura, seguita da ulteriore carteggiatura e verniciatura finale. E’ anche possibile far eseguire la verniciatura da una carrozzeria.

lucidare paraurti

step 5: Riparare il paraurti da rotture

Se sono presenti delle rotture bisogna agire sulla parte interna del paraurti. Si utilizza un apposito attrezzo che riscalda la plastica e conficca delle graffette che quando la parte è raffreddata, restano saldamente conficcate nel materiale. In questo modo le parti lacerate vengono riposizionate saldamente secondo la sagoma del paraurti. Segue poi la procedura di stuccatura e verniciatura già esaminata.

step 6: Il rimontaggio del paraurti

Quando il paraurti è riparato e riverniciato va rimontato in posizione. Per non avere problemi bisogna pulire per bene le sedi delle viti, le viti stesse ed eventuali incastri dei profili e dell’elemento parasassi interno. Queste parti, lavate e spazzolate possono essere trattate prima del montaggio con WD-40 Multifunzione.

CONCLUSIONI

Il tempo di esecuzione è di circa 180 minuti

Sentitevi liberi di condividere i vostri consigli per la manutenzione delle vostre attrezzature o lavori fai da te sulla nostra pagina Facebook @OriginalWD40.it o su Instagram @wd40_italia.

Tutorial Correlati

Iscriviti per essere sempre aggiornato sul mondo WD-40!

© 2021 WD-40 Company