tracking

Come fare la manutenzione del mulinello da pesca

Chi ha la passione della pesca, sa quanto il mulinello si possa sporcare durante una sessione: terra, sabbia, residui di pastura o di esca, salsedine, acqua, sono altrettanti agenti deterioranti che, se vengono sottostimati, possono causare seri danni all’attrezzatura (che, in molti casi, è anche abbastanza costosa). Occorre fare una prima distinzione: vi è notevole differenza tra le cause di degrado tra i mulinelli usati per pesca in acqua dolce e per pesca in acqua salata.

I secondi sono esposti a uno stress molto superiore a causa dei residui salini, per cui andranno maggiormente curati. Una seconda distinzione riguarda la qualità del mulinello. Oggi si trovano in commercio apparecchiature anche molto sofisticate che, se da una parte sono maggiormente difese contro le aggressioni esterne, dall’altra presentano assemblaggi particolarmente complessi. Bisogna tenere conto di questo quando si intende procedere ad un eventuale smontaggio. Una buona manutenzione si impone sempre: sia quella ordinaria, dopo ogni sessione sia quella straordinaria, a fine stagione.

Cose di cui avrete bisogno

step 1: Pulizia ordinaria della bobina del mulinello

La bobina avvolgifilo, si asporta dal mulinello agendo sulla vite centrale ed esaminata sia esternamente sia nella parte retrostante verso il meccanismo del mulinello. Dopo aver eliminato con uno spazzolino eventuali elementi estranei, la si può immergere (anche con il filo avvolto) per qualche ora in acqua distillata. In molti casi si vedranno altri emergere altri residui. Se il mulinello viene usato per pesca in mare sul pelo dell’acqua apparirà un inflorescenza salina. La bobina deve essere poi sciacquata ed asciugata con straccio in microfibra e poi carta in ogni sua parte. Il gruppo frizione non si lubrifica.

pulizia bobina spazzolino

step 2: Pulizia ordinaria e lubrificazione del meccanismo di rotazione

Dopo ogni sessione di pesca un minimo “obbligatorio” di pulizia consiste nel passare sull’esterno del mulinello uno straccio in microfibra inumidito con un poco di acqua. Questo è normalmente sufficiente per un esercizio regolare. Ogni cinque-sette uscite è consigliabile far seguire alla pulizia un leggera lubrificazione delle parti mobili a vista, quelle che si trovano nel mulinello dopo aver estratto la bobina. Il prodotto consigliato è il WD-40 Specialist Lubrificante al Silicone Applicazione Pulita dotato di eccellenti proprietà detergenti e lubrificanti al fine di assicurare il perfetto movimento delle parti. Fornisce un’eccellente lubrificazione e protegge dall’umidità dopo un’asciugatura rapida. La sua formula è compatibile con tutti i metalli, le plastiche, la gomma ed il legno. In particolare occorre lubrificare l’alberino centrale, alla sua base.

lubrifica albero mulinello

step 3: Lubrificazione dell’archetto e dello scorrifilo

Bisogna porre un’attenzione particolare allo snodo dell’archetto, che viene azionato miglia e migliaia di volte durante una stagione di pesca. L’apertura e la chiusura devono essere regolari e senza giochi. Si puliscono gli snodi dapprima con WD-40 Multifunzione e poi si lubrificano con WD-40 Specialist Lubrificante al Silicone Applicazione Pulita e qualche goccia di prodotto si deposita anche sullo scorrifilo che, nei modelli migliori, è dotato di un piccolo cuscinetto interno.

lubrifica archetto

step 4: Lubrificazione della manovella

La manovella si smonta togliendo il dado (o altro sistema di bloccaggio) presente sul lato opposto del mulinello e quindi sfilata. Con i medesimi prodotti già indicati si lubrificano sia la testa della manovella, sia l’alberino e la sede di rotazione, solitamente dotata di un piccolo cuscinetto a sfere. Si lubrifica anche lo snodo che permette di ripiegare la manovella contro il corpo del mulinello.

pulizia manovella

step 5: Lubrificazione meccanismi interni

Aprire un mulinello è un’operazione da esperti, per cui in genere conviene soprassedere. La lubrificazione in molti mulinelli è comunque possibile se presentano l’apertura attraverso cui iniettare il lubrificante. Alcuni presentano un piccolo tappo a vite sull’esterno del corpo, altri hanno un piccolo foro sul piano portabobina. Attraverso queste aperture è possibile introdurre un piccola quantità di WD-40 Specialist Lubrificante al PTFE Anti frizione che riduce la frizione e l’ usura dei meccanismi. Se si è esperti, (ma solo in questo caso) ogni due o tre stagioni di pesca può essere utile eseguire la lubrificazione dell’interno del mulinello, aprendolo con attenzione. Si nota come i meccanismi interni sono già ingrassati con poco grasso. Possiamo reintegrare l’ingrassaggio aggiungendo il prodotto citato. Attenzione al rimontaggio per ricollocare in ordine preciso i vari componenti interni.

meccanismi interni mulinello

step 6: Pulizia finale dell’esterno

Quando è terminata la manutenzione degli organi mobili ed eventualmente di quelli interni, conviene pulire tutto il mulinello da eventuali colature di lubrificante, stringere tutte le viti visibili con opportuni cacciaviti di piccolo diametro e infine spruzzare un velo di WD-40 Specialist Lubrificante al Silicone Applicazione Pulita, che deve essere “tirato” e praticamente asciugato con uno straccio e carta da officina. Durante l’eventuale rimessaggio invernale il mulinello si conserva al chiuso e protetto dalla polvere.

pulizia finale mulinelli

Iscriviti per essere sempre aggiornato sul mondo WD-40!

© 2020 WD-40 Company