tracking

Come sostituire il motorino d’avviamento dell’auto

Sostituire il motorino d’avviamento dell’automobile è un’operazione che esige una certa pratica e buone conoscenze meccaniche. L’evento è un classico: si ruota la chiave dell’accensione dell’auto (o si preme il pulsante), si sente un “clack” e il motore non si mette in moto. Si pensa subito alla batteria, ma se questa mostra di essere regolarmente carica bisogna puntare l’attenzione sul motorino di avviamento. Questo fondamentale componente è solitamente collocato nella parte inferiore del motore. Il motorino è costituito da due componenti: il motore elettrico propriamente detto e l’elettromagnete ad esso collegato. Quando il sistema riceve la corrente l’elettromagnete fa avanzare l’asse del motorino alla cui estremità esterna vi è un pignone dentato. Il pignone impegna la corona dentata del volano della frizione.

A questo punto il motorino di avviamento posto in rotazione dalla corrente della batteria fa ruotare il pignone che mette in rotazione il volano e il motore si mette in moto. Se tutto ciò non avviene è necessario smontare il motorino di avviamento per revisionarlo o sostituirlo. Ogni operazione in tal senso deve essere ovviamente eseguita solo dopo essersi assicurati che sia la batteria sia il fusibile di controllo del motorino o il sistema di accensione non siano i responsabili della mancata messa in moto.

Cose di cui avrete bisogno

step 1: Esame preliminare e preparazione allo smontaggio

Innanzi tutto bisogna sollevare l’auto e collocarla in assoluta sicurezza su due cavalletti di stazionamento in quanto bisogna agire nella pare inferiore del motore. Poi si devono staccare entrambi i morsetti della batteria per evitare contatti elettrici potenzialmente pericolosi. A questo punto, dopo aver pulito il motorino da eventuale sporco o grasso depositato sopra (usare eventualmente WD-40 Specialist Sgrassante Efficacia Immediata che rimuove rapidamente grasso, olio, sporco senza lasciare alcun residuo. Agisce immediatamente al solo contatto ed è facile da risciacquare). Va verificato, in particolare, che i morsetti di collegamento presenti sul componente elettromagnete siano perfettamente collegati e integri. Un eventuale contatto traballante va trattato con WD-40 Detergente contatti e stretto opportunamente. Se il motore continua a non partire il motorino va asportato ed esaminato.

morsetto batteria

step 2: Scollegamento e asportazione del motorino di avviamento

Si tenga presente che per gli spazi solitamente angusti in cui ci si trova ad operare conviene, prima di mettersi all’opera, verificare di disporre degli utensili necessari come chiavi a bussola anche di tipo torx. Il motorino si raggiunge solitamente dalla parte inferiore del motore ma in alcune auto può essere necessario anche agire da sopra e, a volte, bisogna dover asportare qualche componente per poterlo raggiungere con una certa libertà d’azione. La prima operazione da compiere consiste nello scollegare il grosso cavo elettrico di alimentazione che arriva direttamente dalla batteria e quello “sottochiave” che arriva dal blocchetto di accensione. A questo punto bisogna allentare e togliere i due bulloni che bloccano il motorino al blocco del motore. Se sono molto duri conviene trattarli precedentemente con WD-40 Specialist Super Sbloccante azione rapida che penetra rapidamente e libera i pezzi con notevole efficacia. La sua formula è adatta anche nei casi difficili di grippaggio e ossidazione. Tolti i due bulloni il motorino si estrae facilmente.

sostituzione motorino avviamento

step 3: Sostituire il motorino d'avviamento e verifica

Prima di decidere di sostituire il motorino d’avviamento conviene fare prima qualche semplice esame. Innanzitutto va esaminato il pignone dell’albero per accertarsi che non vi siano denti rotti, o scheggiati. Poi si prova la funzionalità sia dell’elettromagnete sia del motorino vero e proprio. Si impiegano due cavi collegati alla batteria: il negativo deve essere morsettato al mantello metallico del motorino. Toccando con il positivo i due contatti due presenti sul retro del magnete si verifica se questo fa avanzare l’alberino con il pignone e se il motorino ruota. Se questo non ruota si può provare a dare qualche colpetto di martello sull’esterno del contenitore per sbloccare un’eventuale impuntatura. Se il motorino non dà segni di vita probabilmente è da sostituire. In ogni caso un esame da parte dell’elettrauto è sicuramente conveniente perché il problema potrebbe essere risolto con una certa facilità aprendo il motorino.

verifica motorino avviamento

step 4: Rimontaggio del motorino di avviamento

In ogni caso, il motorino di avviamento va rimontato nella sua posizione e ricollegato come in origine. L’operazione ricalca i passi già esaminati ma con ordine inverso. In alcune auto i bulloni di fissaggio vanno stretti con una precisa coppia di serraggio per cui è necessario disporre di una chiave dinamometrica. Ricollocate eventuali parti asportate per poter lavorare, si prova il corretto funzionamento agendo sull’accensione dell’auto. Ecco, ora abbiamo visto come sostituire il motorino d’avviamento, non ci resta che partire!

motorino avviamento automobile

CONCLUSIONI

Il tempo di esecuzione per sostituire il motorino d’avviamento è di circa 120 minuti.

Sentitevi liberi di condividere i vostri consigli per la manutenzione delle vostre attrezzature o lavori fai da te sulla nostra pagina Facebook @OriginalWD40.it o su Instagram @wd40_italia

Tutorial Correlati

Iscriviti per essere sempre aggiornato sul mondo WD-40!

© 2021 WD-40 Company