È un’idea diffusa che l’oro non possa ossidarsi, ma è proprio così? L’oro è sì un metallo nobile, molto resistente all’ossidazione, ma nonostante ciò oggetto della sua azione. In questo articolo vi indicheremo come pulire e come lucidare l’oro ossidato per restituirgli la sua naturale lucentezza!

Quali sono gli elementi che possono intaccare l’oro?

Certamente il semplice contatto con acqua, aria e umidità non è sufficiente per deteriorare l’oro. Ovviamente i monili che utilizziamo ogni giorno accumulano facilmente sporco o entrano in contatto con agenti chimici presenti in detergenti e in prodotti che utilizziamo per la pulizia della casa, che lo rendono opaco e più scuro.

Come pulire l’oro ossidato?

Eliminare la sporcizia dall’oro non è difficile e possiamo utilizzare, a seconda delle nostre preferenze e del tempo che disponiamo, metodi naturali o prodotti specifici.

Metodi naturali

Acqua calda e bicarbonato: immergiamo i nostri gioielli in oro in una soluzione di acqua calda e un cucchiaino di bicarbonato. Lasciamo in ammollo per circa mezz’ora e successivamente utilizziamo uno spazzolino a setole morbide per pulire accuratamente gli oggetti. L’acqua calda ammorbidisce lo sporco accumulato anche nelle fessure. Il bicarbonato con i suoi microgranuli riesce a lucidare l’oro senza graffiarlo. Risciacquiamo con acqua corrente e lucidiamo i nostri gioielli con un panno morbido. In caso di necessità ripetiamo l’operazione.

Acqua gassata e detersivo per i piatti: mescoliamo in una ciotola l’acqua minerale con del detersivo e immergiamo i gioielli per circa mezz’ora. Successivamente strofiniamo con uno spazzolino a setole morbide e risciacquiamo con acqua tiepida. Infine, asciughiamo e lucidiamo con un panno morbido.

Dentifricio e acqua: aggiungiamo dell’acqua tiepida a una buona quantità di dentifricio per creare un composto dalla consistenza cremosa. Immergiamo le setole di uno spazzolino e poi strofiniamo gli oggetti in oro. Il dentifricio ha la capacità di eliminare l’alone nerastro che avvolge l’oro per farlo risplendere! Dopo aver risciacquato il tutto con acqua tiepida lucidiamo sempre con un panno morbido.

Ammoniaca: utilizziamo una soluzione di acqua e ammoniaca solo in caso di elevata opacità e sporcizia dei nostri oggetti in oro. L’ammoniaca, infatti, se usata in modo errato può deteriorare il materiale. Dopo aver versato una piccola quantità di ammoniaca nell’acqua (10 ml per mezzo litro di acqua) immergiamo per qualche secondo il nostro gioiello nella soluzione, usando guanti protettivi. Risciacquate abbondantemente sotto l’acqua corrente e asciugate con un panno morbido.

Acqua bollente, detersivo o qualche goccia di aceto: anche questo metodo è consigliato per oggetti particolarmente sporchi. Dopo aver portato ad ebollizione l’acqua versiamo al suo interno o del detersivo per piatti o una piccola quantità di aceto. Immergiamo i gioielli e lasciamo agire per circa 15-20 minuti, risciacquiamo e infine lucidiamo.

Pulire l’oro con prodotti specifici

Panni professionali per pulire l’oro: si tratta di panni già imbevuti con sostanze detergenti e lucidanti e con un lieve potere abrasivo, da usare con cautela per evitare di graffiare l’oro, che è un metallo “morbido”.

WD-40 Multifunzione: questo prodotto consente di pulire e lucidare l’oro rapidamente, in tutta sicurezza e con un ottimo risultato. WD-40 Multifunzione con il suo potere detergente riesce a sciogliere lo sporco anche nelle fessure e tra le maglie dei gioielli. Il prodotto va spruzzato generosamente sull’oggetto, va lasciato agire per qualche minuto e infine va pulito con un panno morbido asciutto. Il risultato che otterrete in brevissimo tempo vi stupirà!

Come lucidare l'oro e restituirgli la sua brillantezza!

WD-40 un ottimo alleato per far risplendere i vostri gioielli in oro!